08-08-2018 / Articolo web

THE LITTLE STORY OF: Villa La Sciolta



Fin dalla sua costruzione, nel 1932, Villa la Sciolta ha avuto come regola principale l’ospitalità. La dimora offre ai propri ospiti un soggiorno di eleganza e confort, senza rinunciare alle avventure della campagna toscana che la circonda. Gabriella Giugni è la proprietaria, e racconta a TBA Holidays la piccola ma incantevole storia di un luogo che ricorda il calore della famiglia.

La proprietà appartiene alla famiglia degli attuali proprietari dagli anni Cinquanta, ma solo alla fine degli anni Ottanta Gabriella e il marito, stanchi della confusione della città scelgono di cambiare vita e di trasferirsi nella proprietà rurale. La dimora ha un particolare valore affettivo per entrambi i proprietari, l’ambiente ricorda loro l’infanzia e le famiglie che si riunivano a Natale, Capodanno o durante i fine-settimana. L’esperienza dell’agriturismo inizia verso la fine degli anni Ottanta, con la piccola produzione di olio. Moglie e marito cominciano ad affittare ai turisti sia la villa, che la casa che sorge affianco. La Villa e il Cottage possono ospitare fino a 18 persone, ci sono infatti nove camere doppie, nelle quali gli ospiti possono godere della loro vacanza nella totale indipendenza, avendo a disposizione uno spazio a loro dedicato. Gli ampi interni erano costruiti appositamente per i momenti di festa, nei quali le famiglie si riparavano nella tranquillità della campagna toscana. I tre piani della villa sono divisi in quattro camere doppie, sette bagni, e al piano terra si trova la zona giorno, tre saloni con un focolare caratteristico della vita rurale.

La sala da pranzo è perfetta per i pasti in compagnia, il grande tavolo di legno ha numerosi posti a sedere per poter pranzare o cenare insieme agli altri ospiti. Per coloro che preferiscono una vacanza tranquilla, sia all’interno che all’esterno della villa, ci sono diversi spazi isolati. I clienti di Villa La Sciolta sono spesso famiglie o gruppi di sportivi che possono conoscersi già da prima, oppure incontrarsi durante il soggiorno; per questo motivo la dimora offre la possibilità di condividere gli ambienti comuni, come pure di dedicarsi a sé stessi e ai propri cari nella privacy totale. La proprietà è composta da 150 ettari di terreno, dove gli ospiti possono rilassarsi al sole, fare un bagno in piscina, e per gli amanti delle passeggiate, si raggiungono facilmente alcuni borghi vicini e la via Francigena, antica via dei pellegrini. La posizione in campagna della dimora, racconta Gabriella, permette di partecipare a diverse attività organizzate nei dintorni, come le gite in bici e a cavallo lungo la Via Salariola che porta a Volterra e poi a Saline. Data la vicinanza con le città d’arte toscane, offre la possibilità di visitare le bellezze artistiche della regione come Pisa, Siena e Firenze, raggiungibili grazie alla stazione ferroviaria che si trova a pochi kilometri dalla struttura. L’enogastronomia della zona è valorizzata grazie a percorsi di degustazione di vini e dei prodotti locali e per i più curiosi, c’è la possibilità di prendere parte alla ricerca del tartufo, eccellenza del territorio.

Il paesaggio toscano offre numerose possibilità di svago, dalle passeggiate, alle gite a cavallo, fino ad arrivare agli sport più estremi, come le corse in motocross e il rafting. Raccontaci quali sono le attività che preferisci quando soggiorno nella regione.