04-06-2018 / Comunicato stampa

Turismo in Sud Italia: le città d’arte e i borghi mete preferite del 2017



Le città a sud dello stivale stanno diventando delle valide rivali alle mete tradizionali del turismo in Italia. I dati relativi ai flussi turistici del meridione nel 2017 sono stati presentati dal Centro Studi Turistici di Firenze e Confesercenti in occasione del lancio della 22esima Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte svolto a Bologna dal 18 al 20 maggio. Napoli ha registrato il +90% e porta il capoluogo campano a posizionarsi secondo nella classifica nazionale delle città d’arte. Un’altra sorpresa è Matera che dal 2010 al 2017 ha visto aumentare le presenze di turisti del 176%, trend positivo degli ultimi sette anni che ha caratterizzato tutte le città d’arte portando un incremento complessivo del 22,8%.

Il patrimonio artistico e culturale delle città italiane è apprezzato soprattutto dai turisti stranieri che rappresentano il 60% degli arrivi, per una spesa totale di circa 13,9 miliardi di euro nello scorso anno. L’arte e la storia sono nascoste anche negli antichi borghi che sorgono da nord a sud dell’Italia, i quali hanno registrato 95 milioni di presenze e stimato 8,2 miliardi di euro nel 2017. In sette anni gli arrivi stranieri nei piccoli borghi sono aumentati del 30,3%.

L’interesse per il nostro Paese come destinazione delle vacanze di turisti stranieri e nazionali è confermata da Google Trends, le città più ricercate sono Napoli (+25%), Firenze (+10%) e Milano (+8. Le località più gettonate sono le Dolomiti (+20%), le Cinque Terre (+17%) e il Lago di Garda (+12%). Cresce la curiosità per le località del Sud Italia: Cagliari (+49%), Napoli (+47%) e Amalfi (+ 26%).